di Donata Bonometti
EVENTI
museo arte quadri
cane gatto animali
diritti umani persone

NOI COSÌ

ATTENTATO A UN VALLONE PERFETTO

testo di Donata Bonometti Sto passando alcuni giorni in val d'Ayas in mezzo al bosco, in un borgo di quattro baite sopra Saint Jacques. . Alle spalle c'è l'alta via che porta al Tournalin, a sinistra il massiccio del monte Rosa, e sotto il Ventina o Gobba di Rolin c'è una valle che si chiama Cime Bianche. Forse l'unica della Valle d'Aosta e fra le poche dell'arco alpino dove non compare traccia dell'uomo se non alcuni pascoli e due alpeggi, ebbene sì una valle incontaminata. Una ricchezza che anche in futuro può diventare valore aggiunto da un punto di vista turistico. Facilmente accessibile da parte degli escursionisti anche non particolarmente esperti la si può trasformare in una me

CAPODANNO CON I BIMBI DI STRADA

testo di Donata Bonometti Capodanno in Transilvania. Una festa al castello con fiumi di birra? No una tombola, in un orfanotrofio. Giocando con bambini soli al mondo o che abitano in casupole a meno quindici sottozero e per i quali una casa alloggio diventa una reggia. Altro che castello. Capodanno con movida nelle strade di città stralunate di botti e di musica a palla? No, San Silvestro traversando strade che sono asfaltate dal ghiaccio per correre al riparo di una stufa con altri cinquanta amici, giovanissimi tutti, nessuno eroe. Ecco: dei tanti capodanni alternativi abbiamo scelto questo in cui sono protagonisti ragazzi dai 16 ai 30 anni che fanno parte della Lega Missionaria Studenti

Si combatteva qui. Reportage per la pace

Continua fino al 2 gennaio 2018 la mostra fotografica "Si combatteva qui! 1914-1918 sulle orme della Grande Guerra dalle Alpi ai Carpazi", organizzata da Alessio Franconi, giovane avvocato e fotografo, in collaborazione con Mu.MA, Associazione Promotori Musei del Mare e della Navigazione e Cooperativa Solidarietà e Lavoro. La mostra è allestita presso la Commenda di Genova. Franconi, che si è iscritto all'Associazione Nazionale Alpini, ha voluto ripercorrere idealmente la tremenda avventura dei suoi avi, con la macchina fotografica. Un'esposizione per comprendere il costo non solo umano dei conflitti, 90 fotografie sui campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale così come sono oggi, in

SAN BENEDETTO NELL'ORTO BIO

testo di Donata Bonometti Quanto bene fa la terra? quanto leggera perchè soddisfacente la fatica che comporta lavorarla? ne abbiamo già parlato su questo blog e non ci stancheremo di parlarne. Di agricoltori speciali. Di orti solidali. Di un ritorno alla terra per motivi economici ma anche per nuova passione e sentimenti di riscatto. Fresca fresca come un cespo di lattuga appena raccolta l'ultima buona notizia in merito: la comunità di San Benedetto al Porto insieme all'azienda Orti di Staglieno di Genova ha vinto un bando europeo e relativo finanziamento per formare, e se possibile inserire nel lavoro, trenta giovani con diverse difficoltà. Rifugiati, ex detenuti, disoccupati, persone fra

OLIMPIONICI, MA ANCORA INVISIBILI

testo di Donata Bonometti Da poco sono tornati dal Messico con un medagliere per il mondiale di nuoto di tutto rispetto: venti ori, dieci argenti e otto bronzi. Italia terza su 56 nazioni dopo le corazzate Cina e Usa.. Quanti di voi che mi leggete conoscono i campioni paralimpici, le loro imprese, la bandiera tricolore sul podio, il fatto che per la prima volta l'Italia, a Città del Messico, abbia guadagnato un argento per la staffetta? .Diciamo grazie a Alex Zanardi e a Bebe Vio se le persone disabili, che partecipano ai giochi paralimpici, sono entrati in qualche modo nelle nostre case, ci hanno commosso con il loro coraggio, con quel modo scapigliato di rapportarsi con l'handicap. Ma gli

Diritti dei migranti e dei bambini in musica

"Quando la Cooperativa Finis Terrae mi ha proposto di preparare qualcosa da presentare al Castello Malaspina di Varzi, in occasione della Giornata Internazionale dei Migranti, che cade il 18 dicembre, noi non eravamo ancora pronti a esibirci in una rappresentazione teatrale sulla storia delle migrazioni. Del resto stiamo lavorando insieme solo da tre mesi, tra i miei studenti stranieri ci sono alcuni che stanno imparando ora a rispondere a semplici domande anagrafiche, alcuni magari non sono mai andati a scuola ma parlano 6 lingue, altri sono laureati, altri ancora sono analfabeti anche nella loro lingua madre e non sanno scrivere il proprio cognome correttamente..."cosi racconta Charo Segrè

ORFANO DI UN PADRE CHE C'E'

testo di Bruno Persano E' la storia di Andrea, diciassette anni, arrivato in Italia su un barcone un paio d'anni fa. L'ho conosciuto al doposcuola di una parrocchia del centro storico di Genova. Alto come una pertica e ben piantato come un giocatore di rugby ma con il sorriso infantile di un bambino davanti alla sua prima bicicletta. L'educatrice del doposcuola mi chiede se volevo aiutare Andrea a prendere la licenza di terza media. Aveva abbandonato l'Albania trascinato in Italia dal padre, ma questo non dovevano saperlo gli altri, le autorità. Il genitore aveva ordinato al figlio di raccontare di essere giunto sulla costa italiana da solo, il sistema più semplice ed efficace per fargli tro

"Missione Cuba" per salvare i bambini

Pare che il momento piu emozionante sia stato l'incontro fra i bambini ricoverati al Gaslini, mesi e anni prima, con i medici che li avevano curati. Li avevano salvati. Insieme alle loro famiglie. Si sono riconosciuti gli uni gli altri, subito. L'affettuosità cubana si è mischiata all'empatia fra medico e piccolo paziente, e c'è stata una vibrazione intensa, che ha attraversato tutti. E' successo qualche settimana fa quando un gruppo di medici genovesi dell'Istituto Gaslini è andato in missione esplorativa nell'ospedale pediatrico di Santa Clara nel centro di Cuba, incontrando una ottantina fra medici e infermieri cubani, e di altri paesi, per meglio coordinare il percorso terapeutico del

UN "DURO" DALLE OSSA DI CRISTALLO

testo di Donata Bonometti Amava i gatti, l'Inter, il giornalismo, le donne. Nonostante quel suo corpo deformato da una malattia carogna, (l'osteogenesi imperfetta detta "delle ossa di cristallo"), era un seduttore, inseguiva l'amore, e ha fatto parecchio innamorare, si era sposato, era rimasto vedovo, e negli ultimi anni della sua vita aveva una giovane tenerissima compagna, Silvia. Come dire a tutti: l'amore non è solo dei belli o dei normalmente bruttini. L'amore è anche mio che ho la testa e il cuore diversamente sexy. Direte. Ma questa parla sempre di amici morti e per giunta giornalisti? Ma, a volte certi vivi sono già morti e quindi come dice Giorgio Boatti, scrittore, seguace del bl

QUELLI CHE... AMANO RAPACI E GRU

testo di Donata Bonometti Occhi al cielo per inquadrare il rapace in volo, oppure sguardo fisso sulle foci del fiume dove ne puoi vedere davvero di tutti i colori, piumaggi blu, becchi gialli, uccellini chiamate ballerine....infine se ci vedi bene fruga nelle sterpaglie e cogli l'attimo di chi deve ancora spiccare il volo. Scriccioli capinere, avocette... Vivono con il binocolo sempre attaccato. Lo usano sul balcone di casa e sul crinale della collina. Vedono, fotografano, riconoscono e riferiscono ai compagni, si consultano e catalogano. Sono in parte volontari Lipu (Lega Italiana Protezione Uccelli), in parte solo amanti folli della natura e della avifauna, che si dedicano gli avvistam

PRESTO LA VOCE PER IL TUO LIBRO

testo di Donata Bonometti .Leggo per te. Leggo per te che hai difficoltà con le parole, leggo per te che non vedi bene. Leggo per te, ragazzino, cui è stato fin qui negato il piacere della lettura, forse l'attività che più comporta lo sviluppo emotivo e intellettivo di un piccolo uomo. Ma se si fa faticosa, perché sei dislessico o ipovedente, si sa, la fatica è dissuasiva, a meno che tu non sia facilitato.Come? attraverso i prestatori di voce .Si chiama Adov, Associazione Donatori di Voce, che ha sede anche a Genova: sono oltre 130 volontari, ottanta di loro sono lettori attivi. I libri fin qui modificati e messi a disposizione sono 280, con una media di 7 libri realizzati al mese. Dice Rocc

SCUOLE DI PERIFERIA IN ALTA QUOTA

testo di Laura Guardini Si chiama “Quartieri in quota” ed è il progetto nato tre anni fa da un bel sogno e da una serie di incontri fortunati tra persone disposte a coltivarlo. I quartieri in questione sono soprattutto quelli periferici di Milano e l’intenzione è di avvicinare alla montagna i ragazzi che li vivono. Non (o non solo) per un’escursione, una gita, un’ascensione, ma per imparare e conoscere qualcosa di importante per tutti e per tutte le vite: rispetto delle regole, condivisione, fiducia. “Quartieri in quota” ha il suo primo motore in Elena Biagini, 47 anni, educatrice e “cuore” dell’Associazione Attraverso la Montagna. E’ sostenuto anche dall’associazione milanese Quartieri Tran

LA PRIMA VOLTA, L' 8 DICEMBRE

testo di Donata Bonometti Dunque siamo di nuovo all'8 dicembre e come ogni anno la Comunità di San Benedetto al Porto celebra un giorno di festa con tutti i crismi, sacri e profani. Con la messa e la benedizione e poi una gran mangiata di cose buone, tra decine e decine di amici, nella sala chiamata della Compagnia Unica dei Portuali. Come sempre, come da anni. L'8 dicembre è il giorno in cui, 47 anni fa, don Andrea Gallo, cacciato dalla parrocchia del Carmine, per tutta l'estate speranzoso di poter celebrare i sacramenti senza riuscirci, trova finalmente un porto, un rifugio, una certezza. Nella parrocchia di San Benedetto. Racconta Franco Cifatte, uno dei giovani che allora erano l'ombra

BEATLESMANIA: MUSICA PER LA PACE

testo di Rolando Giambelli Da cinquantanni mi dedico alla musica e continuo a farlo con la passione e quasi la devozione del diciottenne che ero. Vado nelle scuole a parlare di musica perchè penso che sia un implicito messaggio di pace e anche i ragazzi nati trentanni dopo i Beatles sembrano sempre molto attratti da parole e note contro la guerra, contro le disparità. Scoprii per la prima volta i Beatles , ascoltando Please please me da un juke box in un bar, una fredda sera del novembre 1963. Qualcosa in quella canzone deve avermi profondamente colpito perché da quel giorno mi ci appassionai. Essere un fan dei Beatles, anche oggi, alla mia età, è fantastico perché si può condividere una

Ultimi
post

CATEGORIE

ULTIMI POST

DATA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle

© 2107 Pieni di giorni

 Ci riserviamo il diritto di cancellare ogni commento che riteniamo inopportuno se non addirittura offensivo dichiarando fin d’ora che non ci riteniamo responsabili di affermazioni lesive nei confronti di terzi.