di Donata Bonometti
EVENTI
museo arte quadri
cane gatto animali
diritti umani persone

NOI COSÌ

SVUOTO L'ARMADIO MA ANCHE IL CUORE

testo di Donata Bonometti Pulizie di primavera? Meglio: pulizia dentro il cuore e la mente, liberandoci di oggetti che invadono la vita, ma debordano anche nello spirito e non solo negli armadi. C'è una associazione culturale a Genova che si chiama Aspasia che organizza incontri dove insegnano a "lasciare andare via" dalla nostra quotidianità oggetti di varia natura, vestiti suppellettili giocattoli addobbi biancheria ma anche utensili e pure files e libri e chi più ne ha più ne metta...Tutto ciò che è zavorra nelle nostre case. Alzi la mano chi non possiede una credenza occupata per un quarto dai servizi di bicchieri ,regalo matrimoniale, mai dico mai utilizzati o in cucina un pensile

EROS E GIOVINEZZA A BAGNO NELLA FONTANA

testo di Donata Bonometti Mai visto un affresco così! Un 'ammaliante sequenza erotica nel salone del castello popolato da gentildonne e cavalieri. Colori sgargianti che si rifanno al XIV secolo per un affresco che è la rappresentazione di uno dei desideri più ricorrenti di questo stagione storica: il desiderio di immortalità, comunque la paura di invecchiare e di perdere potere, anche sessuale, ma non solo. E la ricerca di un rimedio, qualunque esso sia, per prolungare i benefici di una seconda età. Affondando già nella terza. Ecco una processione di persone anziane, quasi cadenti, uomini e donne che si avviano verso una fontana, trasportati da carri o cavalli. Vi arrivano comunque stremati

IL KAYAK E' ROSA NEL MARE BLU

Il Kayak è donna e lo dimostra la manifestazione che si svolge dal 30 marzo al 2 aprile al porticciolo di Nervi, di fatto per la prima volta in Italia un symposium di kayak da mare declinato esclusivamente al femminile, evento dal titolo eloquente "Il Sorriso del Mare". Premessa doverosa. Se c'è una imbarcazione che è ecosostenibile e superecologica questa è il Kayak o caiacco che a dire il vero ha una antica tradizione non proprio rispettosa dell'ambiente. E' la popolazione degli Inuit che fino agli anni Settanta viveva negli igloo e che da tempo popola le zone artiche, Groenlandia Alaska e Canada, a "pensare" questa imbarcazione costruita con legni di risulta, trasportati del mare e rico

I BIMBI GENOVESI DEL RWANDA

di Fulvio Bertamini Voglio raccontarvi di Giorgio Lucigrai, indimenticato pediatra genovese di immensa generosità, mentre in questi giorni , in aiuto di quei bambini altrimenti piu soli, è sbarcata in Rwanda la trentaquattresima missione di medici genovesi Per continuare il lavoro di Giorgio. Ch era un pezzo d’uomo con due occhi azzurri profondissimi. Ti guardava serio e ti diceva: “Qui bisogna fare qualcosa”. Ogni problema, ogni ostacolo nella realizzazione di un progetto, lo affrontava così. “Bisogna fare qualcosa” significava che non era possibile adagiarsi. Intanto, che cosa possiamo fare di più, noi, per il Rwanda? Congetturava. Bofonchiava. E alla fine trovava una soluzione, o quan

GIOTTO IN AULA. MA NON E' IL PITTORE

testo di Annalisa Rimassa " Ti saluto, vado in Abissinia...". Il partigiano Giotto, 92 anni di lotte e ricordi, dolcemente canta di fronte alla scolaresca. L’anno è il 2018 e la provocazione è evidente: «Bambini, quella era una canzone dell’occupazione fascista in Etiopia - ora Giotto non canta più - Ma voi, siete d’accordo con le occupazioni?» . La domanda arriva tra quaderni e libri aperti e gli occhi di Giotto, dietro alle lenti, mandano lampi di curiosità. I ragazzini ascoltano e, ecco la spontaneità, alle dittature dicono “no, no!”. Davanti a loro, il partigiano Giotto, che all’anagrafe si chiama Giordano Bruschi , genovese d’adozione e combattente da sempre, è l’uomo che gira le scu

A CENA CON I TAVOLI NEL CARRUGGIO

testo di Donata Bonometti Il Carmine è un borgo medievale di Genova che si stacca dal resto del centro storico e sale sulla collina. Ha carruggi e palazzate, creuse e scalette, piazze e vicoli che portano nomi evocativi: cioccolatte, fragole, zucchero, giuggiola... con relativa pianta viva e vegeta. Fino al mercato di struttura liberty con il selciato dietro, dove giocano in sicurezza i bambini e c'è qualche glicine, o bouganville, che copre le insegne. E', o è stato?, un quartiere popolare e insieme bohemien, intellettuali e artisti, studenti e anziani artigiani, portuali, negli anni Settanta il Carmine fu il riferimento urbano di una generazione di giovani antagonisti, anarchici, contestat

ASPETTANDO CHE I PICCOLI PARLINO

testo di Maria Paola Scuderi Perché il mio bimbo piange? Ha ancora fame? Sta male? Ha caldo? Di che cosa avrà bisogno? Quante volte, da genitori, siamo stati inquietati da questi dubbi, che apparivano come nuvole nella nostra quotidianità! Pensando infine, con un sentimento di di impotenza: "se solo potesse già parlare”! Quando arriveranno le parole sarà tutto più intuitivo, ma nel frattempo genitori e bambini possono affidarsi ad un'altra espressione naturale ed immediata: la gestualità. Parliamo di Baby Signs: un programma di comunicazione gestuale, sempre in accompagnamento alla parola, rivolto a tutti i bambini molto piccoli (da 6 a 18-24 mesi orientativamente), studiato per dar loro

UN TAILLEUR ANTI-DISOCCUPAZIONE

testo di Daniele Cinà A Roma c'è una boutique che offre vestiti alle donne disoccupate. L'intento, nobilissimo, è aiutarle ad affrontare i colloqui di lavoro sentendosi sicure di sé. Sentendosi "a proprio agio". Si chiama "Dress for Success", cioè vestiti per il successo, e fa parte di un progetto internazionale finalizzato a sostenere le donne alla ricerca di un lavoro. Favorirne l’indipendenza, non solo economica, iniziando da un semplice ma essenziale punto di partenza: l’abito. Nel mondo, già 55 mila donne, grazie a loro, alla particolare vicinanza di Dress con una serie di supporti, hanno superato il colloquio e ottenuto un impiego. Ora questa singolare boutique sbarca anche nella Ca

Ultimi
post

CATEGORIE

ULTIMI POST

DATA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle

© 2107 Pieni di giorni

 Ci riserviamo il diritto di cancellare ogni commento che riteniamo inopportuno se non addirittura offensivo dichiarando fin d’ora che non ci riteniamo responsabili di affermazioni lesive nei confronti di terzi.