di Donata Bonometti
EVENTI
museo arte quadri
cane gatto animali
diritti umani persone

NOI COSÌ

LA LANTERNA RITORNA ALLA CITTA'

testo di Stefano Villa Un nido imprendibile, quasi alla stessa altezza della luce che la notte si irradia sul mare e sulla Superba perché sulla Lanterna simbolo di Genova vivono e volano anche due falchi pellegrini. Ogni anno allevano i piccoli sul Faro più alto del Mediterraneo che l’associazione Amici della Lanterna dal 2020 si prepara ad aprire al pubblico tutta la settimana, non più solo nel weekend, con nuove proposte e attività culturali insieme al Mu.Ma., alle istituzioni, alla Fondazione Labò e a una rete di sponsor privati. Eretta nel 1128 e poi ricostruita nelle forme attuali nel 1543 - perché nel primo ‘500 era stata decapitata dal fuoco amico dei cannoni genovesi che bombardavano

AGNES, EMMA, KATHARINA E I BAMBINI BUTTATI VIA

testo di Donata Bonometti Su questo blog, fin dalle prime puntate, abbiamo sovente parlato dell'ex manicomio di Quarto a Genova, rimarcando come, in questo luogo composto di un ampio parco con numerose palazzine degli inizi del secolo scorso in buona parte abbandonate suscitando desolazione profonda per chi le avvicina, c'è una sorta di isola felice dove volontari, artisti, gente comune, malati, partecipano a varie iniziative di stampo artistico o culturale. Tira le fila delle varie attività il Coordinamento Quarto Pianeta, che da almeno una decina d'anni sorveglia anche sulla sorte di questi immensi spazi di proprietà pubblica che ancora non hanno trovato un senso. E sono sempre ad alto r

TRAPIANTANDO IL CUORE NELLA MIA AFRICA

. testo di Paolo De Totero Eccomi con il professor Umberto Valente, 77 anni, genovese, chirurgo di fama mondiale, pioniere e maestro nella scuola dei trapianti e fino al 2012 non dimenticato direttore del centro trapianti del San Martino. Parlando di lui, parlo di rivincita e non di vendetta che farebbe presumere sentimenti che non trovano alcun riscontro nell’animo dell’uomo che sette anni fa, al temine di una faticosa vicenda, dopo essere andato in pensione, si è trasferito altrove per esercitare la sua professione di medico e di formatore. Inseguendo quella voglia di rendersi ancora utile “sul campo” e di solidarizzare con i pazienti e le popolazioni meno fortunate. In Africa. Quella dei

A LEZIONE DI KITSCH IN ACCADEMIA

testo di Donata Bonometti Vogliamo andare a lezione di kitsch? Proviamo a capire, attraverso un appassionato racconto sul pacchiano, come diceva Gillo Dorfles " un concetto che pervade l'arte, gli oggetti e il nostro vivere quotidiano.."?Troveremo ad aiutarci ad approfondire un tema intrigante, due esperti in Accademia Ligustica di Belle Arti, il cui museo, ne ho gia parlato in questo blog, è di nuovo aperto e disponibile al pubblico da alcuni anni, dopo un lungo periodo in sonno, anche grazie ad una sessantina di volontari.Che oltre a consentire appunto l'apertura del Museo e della Biblioteca si occupano anche della catalogazione del materiale librario. Volontari debitamente formati. Oltre

NEL MARE DOVE LA MALATTIA VINCE LA SFIDA

Dal sito de Il Secolo XIX, giornale che rilancia questo blog sulla sua prima pagina on line, ( e di cui io sono stata orgogliosamente dipendente per 30 anni o giu di li) prendo in prestito questo interessante articolo su un ragazzo genovese che va oltre l'essere interessante...conoscerete una persona che vi farà capire quanto la vita sia importante e vada vissuta come tale ogni giorno che dio manda in terra. E conoscerete una associazione che lotta per sostenere la ricerca sulle malattie rare. "Una traversata di 7 chilometri a nuoto in mare aperto legati l'uno all'altra, coscia contro coscia, da una corda di soli 50 centimetri e da una fiducia totale: è l'impresa sportiva, ma soprattutto uma

I RAGAZZI "COLTIVATI" IN UN ORTO SUL RIGHI

testo di Stefano Villa Più di mille piante di pomodori, zucche, zucchine, melanzane e peperoni su tre grandi fasce dove insieme alle verdure si semina e coltiva anche il futuro. Quel terreno al Righi, sopra la Valbisagno e che a levante guarda il Monte di Portofino, è infatti curato da tanti ragazzi e ragazze con un progetto del consorzio sociale Agorà per cui Panarello ha messo a disposizione in comodato un appezzamento sotto lo stabilimento della storica azienda genovese. Da più di un anno in quelle fasce vivono così una bella esperienza a contatto con la natura molti ragazzi, dei centri di educazione al lavoro, giovani migranti adulti, minori non accompagnati, ospiti delle case alloggio g

SONO PARTITO PER SFIDARE L'OCEANO

Testo di Matteo Sericano Sono genovese, ho 20 anni e studio filosofia all'università di Genova. Navigo da quando avevo sei anni. La mia famiglia scarpinava in montagna e io pure, ma già da bambino il mare era per me un richiamo fortissimo. Ieri come oggi mi fa sentire in pace con me stesso, sereno, mi spinge a mettermi alla prova e a dare sempre il meglio di me. Sono determinato a rincorrere il mio sogno, intraprendere la carriera di navigatore solitario, portando alti i valori etici di difesa del ambiente e del mare, e per farlo il primo passo non può che essere la Mini Transat. Che per me, dopo mesi di preparativi, è iniziata sabato scorso 4 ottobre. È una regata che parte da La Rochelle,

DON GA, PRETE PIRATA DEL MOVIMENTO RAGAZZI

testo di don Fully Doragrossa Come si può raccontare di Don Gaspare Canepa, per tutti Don Ga, a chi non lo ha conosciuto? Ci tento io che don Ga l’ho conosciuto e ha celebrato con me la mia prima messa. Don Gaspare Canepa nasce a Voltri nel 1919, quindi ne celebriamo i cento anni con una serie di eventi e incontri di cui leggete piu sotto. Nella foto ecco che pela patate con i suoi ragazzi. Si narra che fin da piccolo avesse quelle doti che ne faranno quel prete che è stato: un entusiasmo travolgente nel coinvolgere gli altri bimbi in avventure, giochi, fantasie; una religiosità fortissima che poneva Dio davanti a tutto fino a farlo entrare molto presto in seminario; una propensione a difend

Ultimi
post

CATEGORIE

ULTIMI POST

DATA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle

© 2107 Pieni di giorni

 Ci riserviamo il diritto di cancellare ogni commento che riteniamo inopportuno se non addirittura offensivo dichiarando fin d’ora che non ci riteniamo responsabili di affermazioni lesive nei confronti di terzi.