di Donata Bonometti
EVENTI
museo arte quadri
cane gatto animali
diritti umani persone

NOI COSÌ

"COSI', PEDALANDO, HO CAMBIATO LA MIA VITA"

testo di Stefano Villa Sui pedali si sposta ogni giorno, ci viaggia anche e si prende cura di ogni genere di biciclette nella sua officina, minuscola ancora per poco, perché presto si trasferirà a qualche decina di metri di distanza in spazi più grandi e adatti ad una attività che continua a crescere. Quando la incontro Adriana Anselmo dice “sai, adesso devo riparare 40 biciclette" e la distesa delle due ruote che la circondano sta lì a confermare l’impegno a soddisfare le tante richieste che le arrivano da ogni parte, segnale evidente di una passione ritrovata, crescente e inarrestabile, per le bici. Adriana ne è protagonista da sei anni. Nel 2014 decide di ricominciare a pedalare, dopo

L'ALBICOCCA, STAR DELLA NUOVA AGRICOLTURA

testo di Donata Bonometti Quiliano è un posto strano. In Liguria persino sfacciato. Dall’alto sembrano due mani aperte a coppa e dentro solo alberi e coltivazioni. In mezzo un fiume dall’alveo fuori scala, lento quasi sempre, e nei diluvi invernali feroce e con il suo carico di danni. Ha dato il nome al borgo che adesso aspira a diventare città importante per via dei traffici, del ruolo dei suoi amministratori che si muovono con accortezza nelle gestione del territorio, ma soprattutto per una scelta filosofica di risalto della qualità. Qualità nei prodotti che produce: miele, formaggi, verdure, ma soprattutto olio e vino. Il Granaccia, come un talentuoso cadetto di famiglia nobile, ha sca

NELL' EX MANICOMIO UN MUSEO DEGLI IRREGOLARI

testo di Giuliano Galletta Dal 1986 al 1995, anno della sua prematura scomparsa, Claudio Costa (nato nel 1942 a Tirana), il più importante artista attivo a Genova nel secondo Novecento, lavorò nell'ex ospedale psichiatrico di Quarto, trasformato, dopo la riforma Basaglia del 1978, da luogo di reclusione e sofferenza in spazio aperto di cura e socializzazione. In stretta collaborazione con il direttore, Antonio Slavich, uno dei protagonisti della antipsichiatria italiana, Costa - già affermato a livello internazionale, dopo la partecipazione nel 1977 a Documenta 6 e alla Biennale di Venezia, curata da Arturo Schwarz, nel 1986 - allestisce il suo atelier di arteterapia iniziando a lavorare con

L'ESTATE LIGURE DEL PRIMO NOVECENTO

testo di Gianni Avallone Un’immagine vale più di mille parole. (Confucio) Sono un fotografo dilettante e ovunque mi ha accompagna sempre una macchina fotografica. Il più possibile aggiornata . E per avere delle foto più vicine alla mia sensibilità le ho sviluppate direttamente in bianco e nero. Questo prima di passare alle macchine digitali.. Ho fotografato paesaggi e persone perché fossero patrimonio dei miei ricordi, delle mie esperienze, dei racconti che potevo ricostruire su quelle foto. È per questo che le fotografie del ligure Giacomo Borasino (negli anni 1905-1935 circa ) mi hanno emozionato, e, per me, che fino a una settimana fa era uno sconosciuto, è stata una vera sorpresa. L’

IL BOSCO LIGURE IERI E OGGI, UN MUSEO VIVENTE

di PAOLO GIARDELLI E MICHELANGELO PESCE Se davvero il territorio forma gli uomini che lo abitano, appare scontato che sul territorio ligure dell’alta Val d’Orba, largamente ricoperto da boschi, si siano formate generazione di uomini e donne legate fortemente al bosco e da tutto ciò che dal bosco deriva. Nascono qui i “Lurbaschi” conosciuti in Liguria prima, e poi in tante altre parti del mondo, come straordinari lavoratori del legno. In alta Val d’Orba, questo tratto di montagna non più Alpi ma non ancora Appennino, il bosco lo si incomincia a vivere e lavorare molti secoli fa. Infatti “l’Orba Selvosa” citata da Alessandro Manzoni era già conosciuta ai tempi dei Longobardi quando Paolo D

Ultimi
post

CATEGORIE

ULTIMI POST

DATA

  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle

© 2107 Pieni di giorni

 Ci riserviamo il diritto di cancellare ogni commento che riteniamo inopportuno se non addirittura offensivo dichiarando fin d’ora che non ci riteniamo responsabili di affermazioni lesive nei confronti di terzi.