PAGANINEGGIANDO, TRA LUCI E OMBRE DI UN GENIO


testo di Donata Bonometti

Sono i giorni dedicati a Niccolo Paganini. Festival, presentazioni di libri sul tema, dibattiti, concerti. Poi entreremo nel dettaglio e vi daremo alcune indicazioni in merito. Io che poco mi intendo di musica anche se i trilli del violinista mi danno, come a tutti, un crescendo di brividi , ho sempre seguito con curiosità questo personaggio non certo ordinario, una vita di abbaglianti luci ed intense ombre, conclusasi con una morte travagliata, vagando, la sua salma imbalsamata, per molto tempo di terra in terra, fino a trovare pace nel mausoleo del cimitero di Parma. Salma che rimase in attesa di destinazione anche nella casa di campagna che Paganini possedeva sulle alture della Valpolcevera, a Romairone, e che, recentemente, mi si racconta, è abitata da un giornalista svizzero che scrive libri su Paganini e da un musicista . Insomma resta sempre fra noi, anche per interposta persona, questo genovese geniale. Che ci ha lasciato lettere autografe, appunti di viaggio mentre attraversava l'Europa di concerto in concerto, block notes dove segnava da buon genovese le entrate e le uscite, gli incassi e le spese degli spettacoli, e ancora le posate da viaggio, gli occhiali da lettura, gli spartiti. Un'autentica rock star che infiammava le platee di mezza Europa e che lui traversava in carrozza.

Racconto di Paganini non solo perchè questa settimana di eventi è molto partecipata ma anche per rendere doveroso omaggio ad una associazione che da anni si dedica a a diffondere la conoscenza della musica, e non solo di Paganini, ovunque, cominciando dalle scuole. L'Associazione Amici di Paganini. L'allora suo presidente Enrico Volpato, oggi onorario mentre quello in carica è Roberto Iovino, sostenne il Secolo XIX in una battaglia sentimentale: si raccolsero un bel po di firme perchè venisse restituita una casa in forma di museo a Paganini. Molti di voi sanno che le ruspe inghiottirono la sua casa natale in vico Gattamora, mentre incalzava la speculazione edilizia del dopoguerra che rase al suolo il quartiere di Madre di Dio. Cosi al giornale ci prese l'entusiasmo di recuperare pezzi della storia del musicista, e ricollocarlo degnamente nella sua citta. Nella chiesa di Santa Maria alle Grazie, forse il nucleo piu antico di Genova, con ritrovamenti nel sottosuolo risalenti all 800 avanti Cristo, chiesa recuperata in modo eccellente dai restauratori della Soprintendenza , si istituti una cosiddetta Casa Paganini, dove ancora si puo ammirare , sopravvissuta alle demolizioni, l'edicola che si trovava nella casa natale di vico Gattamora. Era il 2004 anno in cui Genova era Capitale della Cultura. Ma successivamente un laboratorio universitario ha di fatto occupato la monumentale chiesa-palazzo e l'associazione Amici di Paganini fece valigie. Va detto, non si sono mai persi d'animo. Hanno tampinato a dovere le istituzioni e alla fine hanno ottenuto una sede organizzativa in via Macaggi nel Teatro della Gioventu (dove si tengono concerti ma anche eventi e incontri come quello di due giorni fa in cui si è presentato il libro Niccolò Paganini - La vita, le opere, il suo tempo

di Danilo Prefumo, direttore artistico della casa discografica Dynamic) e proprio in questi giorni, in via Garibaldi, all'interno di Palazzo Tursi, contigui dunque al violino di Paganini conservato in uno dei saloni del Comune da sempre, è stata inaugurata la sede, la prima dell'Istituto Studi Paganiniani, che avrà mission didattica ma non solo.

Il festival intanto, iniziato gia da alcuni giorni, coinvolge, con le debite precauzioni, centinaia di genovesi che si sentono un po tutti pronipoti di Paganini. Oltre ai concerti va evidenziato che il Festival tratta di percorsi “Young” (pensati e realizzati dal nucleo di soci giovani, studenti e diplomandi che dal 2019 collaborano lungo l’arco di tutto l’anno con l’Associazione), “Approfondimenti” (aspetti meno noti e insight su Paganini e sul suo tempo), “Paganini per tutti” ( incontri di alto standing declinati in modo da attrarre sia il pubblico dei grandi teatri e delle principali rassegne internazionali sia chi si accosta per le prime volte al mondo della classica grazie alla godibilità e alla facilità di fruizione) e “La grande liuteria” (strumenti e collezionismo paganiniano). Per ulteriori informazioni sugli spettacoli, sugli incontri e sulle prenotazioni- consultare www.niccolopaganini.it Sarà possibile seguire le attività e le curiosità del Paganini Genova Festival anche tramite i social dedicati (Facebook e Instagram). I contatti con l'associazione sono amici@niccolopaganini.it Tutti gli eventi del Paganini Genova Festival 2020 sono a ingresso gratuito a eccezione dei concerti del 16 e 27 ottobre al Teatro Carlo .

Il calendario degli appuntamenti lo trovate anche su Visitgenoa.it

La foto è presa in prestito da GenovaQuotidiana.it che raccontava tempo fa la vicenda penale che coinvolse Paganini per una sua relazione con una minorenne, che rimase incinta. Paganini fu incarcerato a Parma e dovette in seguito risarcire la famiglia. A Parma lo aveva chiamato Maria Luigia per dirigere l'orchestra, con cui lui tento delle innovazioni che lo misero in contrasto con gli orchestrali. Si diceva. Un artista di non comune personalita...

ARCHIVE
RECENT POSTS
SEARCH BY TAGS
  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle

© 2107 Pieni di giorni

 Ci riserviamo il diritto di cancellare ogni commento che riteniamo inopportuno se non addirittura offensivo dichiarando fin d’ora che non ci riteniamo responsabili di affermazioni lesive nei confronti di terzi.