WALL:OUT, L'INFORMAZIONE RICOMINCIA DAI RAGAZZI


testo di Arianna Maestrale


Era aprile 2020 quando abbiamo gettato il sasso nello stagno, il primo di moltissimi articoli del nostro magazine online. A distanza di un anno, oggi, possiamo osservare le onde che abbiamo generato: un bel risultato per un progetto che continua ad avere una grande ambizione.

Tutto è nato, possiamo dirlo, in una palestra di Kung fu dove io e Gabriele ci alleniamo. Immaginavamo uno spazio dove scrivere quello che volevamo scrivere. Di cui sentivamo la mancanza. E dove coinvolgere persone giovani e attive come noi e fare network. Portando ognuno le proprie realtà di riferimento, l'ambiente, il turismo, gli eventi musicali, le associazioni, la scuola, ma allargando e moltiplicando gli argomenti. Una piattaforma dove raccontare di avvenimenti che sarebbero entrati con difficoltà nei canali ufficiali. Una piattaforma nuova, giovane, fresca. Per i giovani. Perchè per le nostre opinioni gli spazi sono risicati. E allora ce li creiamo. E giovani e giovanissimi sono gli articolisti, i contributor, e i lettori. Un target dai 18 ai 35 anni. (Ma fra quelli che ci seguono ci sono anche dei sessantenni). Da aprile 2020 il magazine ha pubblicato quasi 400 articoli e ha ricevuto 73.000 visite sul sito da 34.000 visitatori. In continua crescita sui social, il suo profilo Facebook è attualmente seguito da quasi 2.000 account, quello Instagram da più di un migliaio.

Siamo partiti con questo titolo dato al magazine che è wall:out che in slang sta per "andare fuori di testa", anche se appoggiandoci al blog di una piattaforma, che di chiama wall:in, giocavamo sulle parole...Le parole per noi sono importantissime, le parole sono fatti..

Il magazine si presenta al pubblico in pieno scenario apocalittico da pandemia e lockdown, nato dalla volontà di dare voce al tessuto culturale dei giovani genovesi, laddove da anni non è presente un simile catalizzatore di idee, risentendone l’ambiente dal punto di vista della scarsa vivacità del confronto culturale.

Chi siamo? Nello specifico, è tutto più o meno descritto qui (1). Ma per riassumere, effettivamente, siamo i giovani genovesi che amano le cose positive del vivere insieme: gli eventi, le arti, la narrazione, le scienze. Siamo tante particelle di un organo che sta iniziando a muoversi. Agli inizi abbiamo chiamato a raccolta una decina di ex compagni di scuola e amici, artisti e musicisti. Siamo partiti cosi...Ma wall:out investe sulla collaborazione. Più persone collaborano più idee si confrontano e più è entusiasmante la relazione. Mettiamo in piedi e alimentiamo discorsi su quanto accade a Genova, ponendo le basi per allargarci piano piano anche fuori dalla realtà cittadina.

Le tante collaborazioni garantiscono l’apertura verso i nuovi discorsi delle giovani associazioni culturali, che rendono wall:out un canale fluido di informazioni, linguaggi e punti di vista. Non abbiamo una redazione fisica, ma virtuale, composta tuttavia da più di cinquanta collaboratori tra contributor, fotografi, video-maker e consulenti social provenienti dal mondo dell'associazionismo e giovane imprenditoria genovese (Wall:in, Mixta, CDWR, Gossypium, EdArte, The black bag e il Ce.Sto e molti altri) un designer come Art director (Gabriele Bricola) e un'artista e curatrice come caporedattrice (la sottoscritta);

Piuttosto che un numero preciso di persone identificabili, ci piace di più definirci un grande gruppo che ha trovato la sua forza nell'eterogeneità e nell'apertura; amiamo il dialogo e per questo sappiamo che l'apertura è la prima condizione per arrivare lontano: ci piace discutere con intelligenza, ci piace sorprenderci ignoranti e cambiare idea, ci piace costruire strade imprevedibili, nuove, ma che arrivano sempre un po' più lontano.


.

Comunicazione è mettere in piedi e alimentare discorsi: ci appoggiamo infatti a Wall:in Media Agency (2) per garantire uniformità tra la qualità tecnica della presentazione e la qualità dei contenuti. Attualmente i canali di comunicazione sono interamente online, dal sito web ai social networks alla piattaforma per i podcast.


Abbiamo tante sorprese in serbo per il futuro e vi invitiamo a seguire tutti i nostri movimenti

Link

1 https://wallinapp.com/walloutmagazine/chi-siamo/

2 https://wallinapp.com/

Le illustrazioni sono di Martina Spanu e nelle specifico hanno presentato due articoli. Sulla legge del riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia. Sulla gita sul confine comunale.

ARCHIVE
RECENT POSTS
SEARCH BY TAGS
  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle

© 2107 Pieni di giorni

 Ci riserviamo il diritto di cancellare ogni commento che riteniamo inopportuno se non addirittura offensivo dichiarando fin d’ora che non ci riteniamo responsabili di affermazioni lesive nei confronti di terzi.